02 ottobre, 2010

I passaporti di Daniel e Danilo

La giornata di martedi è stata un’altra tappa nell’iter burocratico necessario all’espletamento delle formalità per poter uscire con i bambini dalla Colombia.



Come avevamo pianificato infatti, per ripartire i rischi d intoppi burocratici, abbiamo proceduto sistemando almeno i due gemelli e quindi di buon mattino con Jorge siamo andati a fare le foto di rito e poi ci siamo ritrovati con Rocio (la nostra avvocatessa) per ottenere i passaporti.

Ecco un’altra piccola contraddizione di questo incredibile paese in cui il passaporto si ottiene in circa due ore compresi i tempi per le foto!!!

I bimbi, consapevoli di ciò che li attendeva, si sono svegliati con un provocatorio: “…io non voglio fare la firma “ ma rassicurati e tranquillizzati si sono lasciati condurre agli uffici e non hanno fatto più storie arrivati al momento fatidico di porre per la prima volta in vita loro dopo i loro nomi i nostri cognomi.




Il più irrequieto era Daniel che chiedeva continuamente di tornare a casa mentre Danilo si perdeva a fotografare l’umanità addensata nella sala d’attesa per il ritiro dei documenti, Yakeline a sua volta preparata al fatto che il suo passaporto avrebbe avuto necessità di più tempo per ottenerlo è stata tranquilla.



Una volta avuti i passaporti ci siamo quindi letteralmente fiondati verso casa e come di abitudine in queste giornate un veloce cambio per infilare il costume e tutti in piscina a fare moto e prendere un poco di sole che puntualmente fa capolino dalle 11,00 alle 13,00 prima dell’acquazzone pomeridiano.









Nel pomeriggio a divertirci al (indovinate un po’…) centro commerciale Il Tesoro che oggettivamente è molto attrezzato per i bambini in termini di giostrine e giochi.








Abbiamo spiegato ai piccoli che ottenuto anche il passaporto di Yakeline partiremo per Bogotà e poi per l’Italia, questa cosa li ha entusiasmati e spesso anche nei momenti più impensati tornano sull’argomento chiedendoci informazioni su come saranno certe cose in Italia piuttosto che “… quando arriva il giorno che partiamo per Bogotà…??”

Stamattina quasi a cercare conferma del fatto che non ci saranno altre sorprese Daniel e Yakeline ci hanno chiesto a bruciapelo cosa avremmo fatto se ci chiamava per telefono l’ICBF per dirci di restituire i bambini che dovevano andare in un’altra famiglia….

Alla nostra risposta che noi siamo i loro genitori e che non ci sarà mai più un’altra famiglia al di fuori d noi cinque hanno cambiato immediatamente discorso…..” entonces vamos a pisciniar…????”.



Un abbraccio a tutti voi e grazie per la mano che ci date !!!

Claudia e Riccardo

7 commenti:

  1. Passo dopo passo la data del rientro si avvicina!!!!! E' bellissimo leggere che va tutto bene e vedervi rilassati in piscina!!!!!
    Vi siamo vicini e vogliamo dire a Yakeline che non si preoccupi, anche il suo passaporto arriverà prestissimo. Non vediamo l'ora di vedervi in Italia!
    Un abbraccio Enzo & Giuli

    RispondiElimina
  2. Non stiamo facendo niente se non altro che fare il tifo per voi in questa spendida avventura, che grazie al vostro grande amore per i bambini le cose si metteranno al posto giusto. Una Grande Famiglia PAPINI.FORZA PAPA' E MAMMA.UN ABBRACCIO CORRADO FRANCA E ALICE CHE NON VEDE L'ORA DI INCONTRARE Yakeline Daniel Danilo un BESO.CIAOOOOOO

    RispondiElimina
  3. Il mio pensiero principale è inevitabilmente rivolto a quello che provano i bambini, ai loro pensieri, ai loro timori e all'incertezza di quello che sarà la loro nuova vita, anche perchè i due maschietti hanno la stessa età di mio figlio. Sono certa che saprete dare loro la sicurezza che cercano e di cui hanno bisogno.. mi fanno una tenerezza! Vi aspettiamo. Roby

    RispondiElimina
  4. Mamma mia ormai siete alla fine dell'avventura in Colombia, vi vediamo molto rilassati e felici tante volte ci sembra di essere li con voi leggendo i vs racconti e le foto stupende.
    Bacioni Paola e Silvio

    RispondiElimina
  5. Siete una bellissima famiglia, ogni istante aggiungete un mattoncino alla costruzione di questo meraviglioso rapporto che vi unirà in modo indissolubile. Vedendo le vostre foto ci fate venire un pò di nostalgia per questo sorprendente paese. Un abbraccio da Enrico Elena Nelson e German

    RispondiElimina
  6. bene famiglia papini leali finalmente si vede il traguardo!la famiglia è una avventura che quando comincia non finisce mai ma è la più bella che esista e fa piacere che i bimbi si preoccupino di sapervi sempre con loro vuol dire che li avete proprio conquistati !siete davvero i loro genitori un bacio atutti e non vediamo l'ora di vedervi!!!

    RispondiElimina
  7. Mamma mia, è proprio vero che le provocazioni da parte dei bambini non tardano ad arrivare e comunque molto bello accorgersi da questo di quanto fortemente vogliano rimanere con voi. katia

    RispondiElimina